[:it]Tutela Acqua[:]

[:it]

  1. Consulenza Sanificazione Impianto Idrico (Prevenzione Diffusione Malattie Infettive)

Il trattamento delle acque comprende interventi di manutenzione e bonifica su impianti idrici, impianti di condizionamento, serbatoi, vasche, umidificatori e vaporizzatori. Il trattamento delle acque è necessario per prevenire l’insorgere e il proliferare di microrganismi e batteri nocivi per la salute. Una particolare attenzione va pertanto rivolta alla prevenzione della legionellosi, causata dalla legionella pneumophila, un batterio che si sviluppa nell’acqua potabile o nelle condutture dell’acqua. La sanificazione e bonifica della rete idraulica avviene utilizzando prodotti disinfestanti specifici omologati dal Ministero della Sanità; essi vengono iniettati all’interno del’impianto tramite l’uso di pompe dosatrici. La loro attività batterica agisce contro:

  • Funghi e alghe: Candida albicans, Aspergillus sp
  • Batteri: Pseudomonas aeuruginosa, Staphylococcus aureus, Streptococcus faecium, Proteus mirabilis, Saccharomyces cerevisiae, Yersinia enterocolitica, Listeria monocytonenes, Legionella e Achathamoeba, Escherichia coli, Salmonella typhimurium

Dopo la bonifica, viene effettuato un prelievo di campioni di acqua sui quali verificare, tramite analisi microbiologiche, la bontà dell’intervento effettuato.

  1. Consulenza e Analisi per Autorizzazione allo Smaltimento Acque Reflue Depurate

Qualsiasi tipo di produzione industriale da origine ad acque di scarico. L’industria ha quotidianamente bisogno di ingenti quantità di acqua che, una volta usate nel ciclo produttivo o nelle lavorazioni, vengono restituite nell’ambiente spesso con tassi di inquinamento elevati.

Tramite il D.lgs. 152/2006, si è ritenuto necessario tutelare l’inquinamento delle acque, da un lato obbligando tutti i titolari di scarichi a chiedere l’autorizzazione, e dall’altro imponendo dei valori limite a tutti quei parametri (metalli, solventi, oli, batteri ecc.) che, se versati nelle acque in concentrazioni superiori a tali limiti, causerebbero un sicuro inquinamento del patrimonio idrico.

I servizi offerti:

  • Prelievo da parte di personale tecnico qualificato;
  • Consulenza tecnica ed assistenza per il rilascio dell’autorizzazione allo scarico;
  • Gestione impianti di depurazione;
  • Gestione fanghi e rifiuti da impianti di depurazione, sia civili che industriali;
  • Rapporti con le ASL;
  • Analisi chimiche e trattamenti;
  • Analisi microbiologiche.
  1. Consulenza e Analisi per Autorizzazione allo Smaltimento Acque Reflue Meteoriche

La normativa di riferimento è rappresentata dal Decreto Legislativo 3 aprile 2006 n. 152, intitolato “Testo unico sulle acque” recante “Norme in materia ambientale”, pubblicato nella G.U. n. 88 del 14/04/2006.

Per quanto riguarda le acque meteoriche il D.L. 152/06, all’art. 113 “Acque di prima pioggia e di lavaggio di aree esterne” precisa che:

Ai fini della prevenzione di rischi idraulici ed ambientali, le regioni, previo parere del Ministero dell’Ambiente e tutela del territorio disciplinano le forme di controllo degli scarichi di acque meteoriche di dilavamento provenienti da reti fognarie separate ed i casi in cui richiesto che le immissioni delle acque meteoriche di dilavamento, effettuate tramite altre condotte separate, siano sottoposte a particolari prescrizioni, ivi compresa l’eventuale autorizzazione.

Le Regioni disciplinano altresì i casi in cui può essere richiesto che le acque di prima pioggia e di lavaggio delle aree esterne siano convogliate e opportunamente trattate in impianti di depurazione per particolari casi nelle quali, in relazione alle attività svolte, vi sia il rischio di dilavamento dalle superfici impermeabili scoperte di sostanze pericolose o di sostanze che creano pregiudizio per il raggiungimento degli obiettivi di qualità dei corpi idrici.

E’ comunque vietato lo scarico di acque meteoriche nelle acque sotterranee.

[:]

Enjoy this blog? Please spread the word :)